Studio di Naturopatia  © -  Giovanni Santoro
L’Iridologia è la lettura morfologica e del cromatismo dell’iride come fonte di informazioni relative all’organismo nella sua integrità: aspetti psichici e fisici ereditari, costituzionali ed acquisiti.
 
Come può l’osservazione dell’iride darci informazioni sullo stato di salute generale dell’intero organismo:
 
Se l’individuo è una totalità ogni parte del corpo parlerà dell’intero individuo.
Alcune parti del corpo potranno poi possedere in modo straordinario questa peculiarità, e divenire materia privilegiata di indagine: così l’occhio per l’iridologia, il piede per la riflessologia plantare, l’orecchio per l’auricoloterapia.
 
L’iridologia come fonte di informazione sullo stato di salute dell’intero organismo può essere inquadrato coerentemente all’interno delle attuali conoscenze biologiche e a riguardo possono essere proposte almeno quattro teorie, le quali non sono in contrasto tra loro ma si integrano e si completano reciprocamente: teoria genetica, embriologica, nervosa, umorale-vascolare.
 
La teoria genetica ed embriologica permette di capire come l’iride possa fornirci informazioni sugli aspetti genetici e costituzionali dell’intero organismo.
La teoria nervosa e umorale-vascolare spiega la possibilità dell’iride di segnalare gli squilibri, alterazioni e patologie acquisite. Eventuali stimoli abnormi in partenza da un organo determinerebbero alla fine modificazioni iridee a livello della zona iridea corrispondente alla localizzazione sull’iride di detto organo.
 
Iridologia in Naturopatia
 
La visione naturopatica in Iridologia non prevede un ruolo diagnostico in senso convenzionale visto che oggi le diagnosi d’organo sono possibili con le metodiche più moderne.
In particolare, questa tecnica permette l’osservazione del "terreno", cioè della "predisposizione ad alterazioni funzionali ed organiche".
 
A cosa serve l’esame Iridologico
 
Serve all’analisi della funzionalità emuntoriale, cioè della capacità di eliminazione degli scarti metabolici e tossinici da parte dell’organismo; della forza vitale; del metabolismo minerale, cioè l’equilibrio di vitamine e sali minerali.
 
Ci consente di valutare l’energia vitale (la capacità reattiva dell’organismo), e l’accumulo di scarti metabolici (residui e tossine) e soprattutto gli aspetti costituzionali, cioè la fragilità delle componenti l’unità psico-fisica.
Diciamo che sapendo i propri punti deboli con l’aiuto di consigli naturopatici l’individuo potrà avere gli strumenti per preservare e migliorare la propria condizione psico-fisica.
 
L’iridologo-naturopata potrà dirigere l’attenzione sugli elementi capaci di agire a livello preventivo, quali rimedi fitoterapici, minerali, con lo scopo di mantenere nell’individuo un livello psico-fisico soddisfacente.
A volte dei piccoli cambiamenti nel proprio stile di vita quali un alimentazione più adatta alla costituzione e al tipo di stress a cui si è sottoposti può fare una notevole differenza nella qualità della vita.